Sono nato a Savona l’8 febbraio 1965.
Sono architetto,
vivo e lavoro a Savona.
Ho iniziato a fotografare già da bambino, ma una maggiore consapevolezza la ho raggiunta nei primi anni novanta.
E’ in quegli anni che inizio a frequentare il laboratorio fotografico di Fulvio Rosso, fotografo professionista di rara sensibilità.
Grazie all’idea dell’architetto Mario Clemente Rossi nel dicembre 2016 allestisco a Imperia, presso lo Studiorossi+secco, la mostra dal titolo ‘Spiaggia libera’.
Nel marzo 2017 collaboro come fotografo con l’associazione Teatro 21 a un laboratorio di teatro sociale tenuto in alcune scuole superiori con l’intento di lavorare sulla multietnicità di alcune classi.
Nell’agosto 2017 partecipo all’evento “Al largo c’è vento”, organizzato dal Circolo degli Artisti di Pozzo Garitta con il patrocinio del Comune di Savona e presento il mio progetto ‘Torino vuota’.
All’inizio di novembre 2017 a Torino realizzo l’installazione ‘Tre biciclette’ all’interno dell’Officina Il Bicino.
Dal 2018 collaboro con Riccardo Zelatore, curatore di mostre con particolare attenzione all’arte della ceramica, nel documentare le fasi di lavoro di alcuni artisti. In merito a questo alcuni miei scatti sono stati esposti nella personale di Corrado Bonomi ‘Genius Loci’' tenuta presso il circolo Eleutheros di Albissola Mare tra il settembre e il novembre 2018.
Durante il 2018 vengo invitato a documentare Savona Open Theatre, un’iniziativa che mira all’incontro fra gli abitanti di Savona, gli immigrati e i migranti e realizzo così il progetto ‘Ballad of colors dependency' una sorta di campagna pubblicitaria che attraverso i social mira alla sensibilizzazione sull’importanza delle differenze come motore di crescita sociale e culturale.
Tra il 2018 e il 2019, insieme al giornalista Mario Muda, realizzo ‘Game over’, un progetto che ha l’intento di rendere visibili i volti, e conoscere le storie, dei ‘nuovi poveri’. Il progetto è ora diventato il sito web www.game-over.eu.
Dal maggio al luglio 2019 a Finalborgo presso l’Oratorio dei Disciplinati all’interno del complesso di Santa Caterina vengo invitato dal curatore Riccardo Zelatore a esporre due due lavori nella mostra ‘Doppio Sogno’. La mostra intende fare incontrare il mio modo di fare fotografia, più legato al sociale e quello surreale e sognate di Bart Herreman.
Nella mostra presento due lavori: Highway Saluzzo Revisited e i Milanesi.
Nell’ottobre 2019, presso il Museo della ceramica viene presentato il libro/catalogo ‘Marcello Campora Vincenzo Cabiati Saint Sebastian’.
Il libro raccoglie gli scatti che raccontano la realizzazione da parte dell’artista Cabiati del progetto ‘Saint Sebastian’ in ceramica, opera voluta e curata da Riccardo Zelatore.
Nell’ottobre 2019 il progetto Albania-Romania 1-0 viene selezionato per essere esposto nella sezione Ph.ocus dell’edizione di Paratissima art fair tenutasi a Torino dal 30 ottobre al 3 novembre 2019.